La gestione delle uova e dei pulcini da giovani riproduttrici

Lotte Hebbink, Incubation specialist - Pas Reform

28

La mortalità nella prima settimana è spesso più elevata nei pulcini di riproduttrici molto giovani (25-30 settimane) che nei pulcini di quelle più anziane. Cosa rende questi pulcini più vulnerabili?

Disponibilità di nutrienti e metabolismo dei grassi

Durante l’incubazione l’embrione in via di sviluppo utilizza nutrienti dal sacco vitellino, la cui composizione nutrizionale dipende da diversi fattori, tra cui l’età della gallina.

Le galline più giovani depongono generalmente uova più piccole rispetto alle galline più vecchie, con una quantità di tuorlo minore rispetto all’albume. Inoltre, gli studi dimostrano che il tuorlo fresco di giovani riproduttrici ha un profilo diverso di acidi grassi, contiene meno grassi e proteine e più acqua rispetto a quello di galline più anziane.

Durante la fase principale dell’incubazione, l’embrione di un pulcino si basa per oltre il 90% sull’ossidazione degli acidi grassi del tuorlo per soddisfare la sua domanda energetica. Gli studi dimostrano che gli embrioni e i pulcini di giovani riproduttrici possiedono una minore capacità di mobilitare i lipidi e trasferire le lipoproteine per l’energia e hanno un assorbimento del tuorlo relativamente inferiore. Altri studi mostrano che il 20º giorno dello stato embrionale l’altezza dei villi, la profondità della cripta e l’altezza dei microvilli sono più corti nel digiuno degli embrioni provenienti da gruppi giovani. I villi intestinali più corti forniscono meno superficie di contatto per assorbire i nutrienti dal tuorlo o dal mangime, il che potrebbe influenzare la crescita e lo sviluppo del pulcino, specialmente durante i primi giorni di vita.

Adeguamenti nell’incubazione e gestione dell’allevamento

Le uova di galline giovani passano meno tempo nell’ovidotto rispetto a quelle delle galline più anziane. Di conseguenza questi embrioni, quando l’uovo viene deposto, si trovano ancora in una fase di sviluppo precedente, il che significa che hanno bisogno di un paio di ore di tempo di incubazione in più. Poiché le uova delle giovani riproduttrici sono in genere più piccole, anche la massa delle uova e il calore all’interno dell’incubatrice sono inferiori. Potrebbero quindi essere necessarie delle modifiche dei valori di settaggio per mantenere una temperatura media del guscio d’uovo di 100 °F all’interno della macchina ed evitare che le uova diventino troppo fredde durante l’ultima fase dell’incubazione.

Per ridurre la mortalità della prima settimana, i pulcini di un giorno provenienti da galline giovani possono beneficiare di un supporto nutrizionale supplementare direttamente dopo la schiusa. In uno studio sul campo condotto da Royal Pas Reform, che includeva 1,8 milioni di pulcini, è stato scoperto che fornire cibo nello SmartStart™ riduceva considerevolmente la mortalità dei pulcini provenienti da riproduttrici di 25-30 settimane di età.

Anche la gestione dell’allevamento necessita di essere adattata a questi pulcini. Ad esempio, le linee di abbeveraggio dovrebbero essere abbassate per evitare che essi non riescano a raggiungere i nipple per abbeverarsi. Inoltre, poiché i pulcini piccoli hanno una superficie corporea relativamente maggiore rispetto alla loro massa corporea e quindi perdono calore più rapidamente, è necessario garantire una temperatura di pulcinaia più elevata per mantenere una temperatura rettale di 104-105 °F. I pulcini delle giovani riproduttrici hanno bisogno di uno o due giorni in più per passare da uno stato di semi-poichilotermia a uno di omeotermia. Oltre a fornire condizioni di temperatura ottimali, anche un supporto nutrizionale può aiutare questi pulcini a partire in modo ottimale.

Consigli

Per le uova e i pulcini di riproduttrici molto giovani (25-30 settimane di età):

  • posizionare le uova nell’incubatrice quattro ore prima o tirare fuori i pulcini quattro ore dopo per aumentare il tempo di incubazione;
  • regolare i valori della temperatura in modo da ottenere una temperatura media del guscio d’uovo di 100 °F;
  • fornire un supporto nutrizionale subito dopo la schiusa;
  • abbassare l’altezza delle linee di abbeveraggio;
  • aumentare la temperatura di cova per raggiungere la corretta temperatura rettale di 104-105 °F.

La bibliografia è disponibile su richiesta