Nuove informazioni dalla più grande indagine mondiale sulle micotossine

13

Royal DSM ha pubblicato gli ultimi risultati annuali del DSM Mycotoxin Survey che descrivono in dettaglio la presenza di contaminanti metaboliti fungini nelle colture foraggere e i potenziali rischi per gli animali da allevamento in tutto il mondo.

Sono stati presentati a metà febbraio da un esperto di salute, nutrizione e bioscienze DSM i risultati dell’indagine sulle micotossine di oltre 112.000 analisi condotte su più di 24.000 campioni di ingredienti per mangimi animali raccolti da 75 paesi nel 2021.

Le micotossine compromettono la salute degli animali e l’integrità dell’intestino – ja affermato Anneliese Mueller, Product Manager Micotossine, DSM Animal Nutrition and Health – aumentando la probabilità di uno stato di salute più basso, scarso rendimento e uso inefficiente delle risorse. Avere una visione chiara e accurata dei contaminanti dei mangimi consente all’industria di prendere le contromisure appropriate e migliorare la redditività, la salute degli animali, il benessere e la sostenibilità”.

Nel complesso, le minacce legate alle micotossine relative alla produzione di proteine ​​animali rimangono elevate rispetto allo scorso anno. A livello globale, il livello di rischio medio era del 62%, il che significa che quasi i due terzi dei campioni avevano almeno una micotossina al di sopra dei livelli raccomandati. Su base regionale, i livelli di rischio calcolati variavano da un moderato 44% in tutta Europa a un massimo del 79% in Asia.

Principali tendenze regionali

  • Il mais nordamericano (mais) mostra concentrazioni leggermente aumentate di deossinivalenolo e fumonisine, pur mostrando la stessa elevata prevalenza del 2020.
  • I livelli di deossinivalenolo sono la principale minaccia potenziale nel raccolto di cereali in Europa; l’Europa occidentale e meridionale sono le aree più colpite. La prevalenza della tossina T-2 è aumentata nell’Europa settentrionale, così come la prevalenza delle aflatossine nell’Europa meridionale.
  • L’Asia del Pacifico è complessivamente esposta a un rischio maggiore di micotossine e le aflatossine restano un problema in questa regione. È stato osservato un aumento dell’abbondanza di ocratossina A e tossina T-2.
  • In America Latina, le fumonisine sono ancora la micotossina più diffusa nel mais. Mentre abbiamo osservato una leggera diminuzione dei livelli di concentrazione di fumonisine nel mais sudamericano, i livelli di deossinivalenolo sono aumentati.
  • In Medio Oriente e Nord Africa le micotossine Fusarium sono molto diffuse. Il deossinivalenolo è una delle principali preoccupazioni nell’Africa subsahariana.

I livelli di rischio riportati nei risultati indicano la probabilità che gli agricoltori affrontino la contaminazione da micotossine nel mangime. Considerando gli ultimi risultati, sarebbe saggio per i produttori di tutto il mondo monitorare attentamente le materie prime e i mangimi per la contaminazione da micotossine e adottare un solido programma di gestione del rischio da micotossine”, afferma Anneliese Mueller.

A proposito del sondaggio

L’annuale DSM Mycotoxin Survey (precedentemente BIOMIN Mycotoxin Survey) costituisce il set di dati più longevo e completo sulla presenza di metaboliti fungini negli ingredienti dei mangimi. I risultati dell’indagine forniscono informazioni sull’incidenza delle sei principali micotossine nei prodotti agricoli tra cui mais, grano, soia, orzo, segale, avena, riso, sorgo e miglio e i loro sottoprodotti utilizzati per l’alimentazione degli animali da allevamento, in particolare pollame, suini, ruminanti e acquacoltura.

DSM – Bright Science. Brigther Living.™

Royal DSM è un’azienda globale, guidata da uno scopo nel settore della salute, della nutrizione e della bioscienza, che applica la scienza per migliorare la salute delle persone, degli animali e del pianeta. Lo scopo di DSM è creare vite più luminose per tutti. I prodotti e le soluzioni di DSM affrontano alcune delle più grandi sfide del mondo creando allo stesso tempo valore economico, ambientale e sociale per tutti i suoi stakeholder: clienti, dipendenti, azionisti e società in generale. DSM e le sue società associate danno lavoro a circa 23.000 persone in tutto il mondo e realizzano un fatturato netto annuo di circa 10 miliardi di euro. L’azienda è stata fondata nel 1902 ed è quotata su Euronext Amsterdam. Maggiori informazioni possono essere trovate su www.dsm.com.