Monitorare il processo di incubazione del tacchino per garantire i migliori risultati

Nick French, Independent Poultry Incubation Expert

121

Lincubazione delle uova di tacchino è spesso considerata più impegnativa di quella delle uova dei broiler, anche se, in sostanza, il principio che sta alla base del successo è lo stesso, sia negli incubatoi di tacchini che in quelli di broiler. Il monitoraggio continuo del processo di incubazione è fondamentale per capire cosa sta vivendo lembrione allinterno delluovo e per garantire il successo dellincubazione. Questo articolo evidenzia quattro punti chiave che un incubatoio di tacchini dovrebbe monitorare attentamente per raggiungere uneccellente schiudibilità e qualità della carne.

Punti chiave per l’incubazione delle uova di tacchino

Tra le uova di tacchino e quelle di pollo sussistono alcune differenze. In primo luogo, le uova di tacchino generalmente impiegano 28 giorni per incubare rispetto ai 21 giorni di incubazione di quelle dei polli da carne. In secondo luogo, sono più grandi: mentre il peso medio di un uovo di broiler nel corso del processo aumenta da 50 a 70 grammi, il peso medio di un uovo di tacchino aumenta da 79 a 97 grammi. In terzo luogo, la maggior parte, ma non tutti, degli allevamenti di polli da carne nel mondo fa accoppiare gli animali in modo naturale, mentre nella stragrande maggioranza degli allevamenti di tacchini da riproduzione si procede con l’inseminazione artificiale. Di conseguenza, la fertilità tende a essere maggiore nelle uova di tacchino, in particolare verso la fine della produzione.

Anche se ci sono delle considerazioni specifiche in base alla specie, ciò che l’embrione sperimenta durante l’incubazione rappresenta sempre il punto di partenza. Un incubatoio di tacchini dovrebbe monitorare attentamente quattro punti chiave per capire cosa sta vivendo l’embrione all’interno dell’uovo e per garantire il successo dell’incubazione. Le sezioni seguenti si concentrano ciascuna su uno di questi punti chiave.

Temperatura di incubazione

Di tutti i parametri che determinano il successo dell’incubazione, il più importante è la temperatura e, più specificamente, la temperatura percepita dall’embrione all’interno dell’uovo. Il Grafico 1 mostra la temperatura all’interno di un uovo di tacchino, quella sulla superficie del guscio e quella dell’aria dell’incubatrice a una distanza di circa 10 mm dall’uovo (detta aria micro-ambientale) quando le uova di tacchino vengono incubate a una temperatura fissa di 37,5 °C.

Durante i primi 11 giorni di incubazione, la temperatura interna dell’uovo è leggermente inferiore alla temperatura dell’aria micro-ambientale a causa del raffreddamento per evaporazione. L’embrione è ancora piccolo, quindi produce poco calore metabolico.

Tuttavia, man mano che l’embrione inizia a crescere, produce sempre più calore metabolico. Verso la metà del processo di incubazione, il livello di calore metabolico supera il livello di perdita di calore attraverso il raffreddamento per evaporazione. Alla fine dell’incubazione, la temperatura interna dell’uovo supera di circa 0,5 °C la temperatura micro-ambientale dell’aria.

Si presume che la differenza tra la temperatura interna dell’uovo e quella dell’aria macro-ambientale (ovvero la temperatura misurata vicino al sensore della macchina e indicata sul pannello dell’incubatrice) sia anche maggiore di 0,5 °C, a seconda del layout della macchina e della velocità dell’aria sull’uovo. Per evitare il surriscaldamento delle uova e risultati di incubazione ridotti, è quindi importante monitorare e controllare continuamente la temperatura interna delle uova, soprattutto durante le fasi successive dell’incubazione, perché la temperatura aumenta con la crescita dell’embrione.

La temperatura interna dell’uovo è di fondamentale importanza… Ma come monitorare questo parametro? Una scoperta importante illustrata dal grafico è che la temperatura del guscio d’uovo è molto simile alla temperatura interna. Per questo motivo la temperatura del guscio d’uovo viene utilizzata abitualmente nell’incubazione commerciale per stimare in modo pragmatico quella interna. Sia per le uova di tacchino che di pollo, è assodato che la temperatura ottimale del guscio d’uovo durante l’incubazione è di circa 37,8 °C (100 °F). Quando la temperatura del guscio d’uovo si discosta da quella ottimale, sono a rischio le prestazioni di incubazione.

Esistono diversi modi per monitorare la temperatura del guscio. Per i controlli a campione è possibile utilizzare un termometro auricolare standard utilizzato per misurare la temperatura corporea umana. Tuttavia, le misurazioni della temperatura alla fine interromperanno e disturberanno il processo. Per un monitoraggio continuo senza sospendere il processo è possibile utilizzare un data logger, ovvero un registratore di dati, con sonde di temperatura superficiale. Con questo metodo, ci sono anche alcune cose da considerare. I data logger vi aiuteranno a registrare la temperatura e a visualizzare i dati, ma non guideranno attivamente il controllo della temperatura nella macchina.

Poiché le uova di tacchino sono più grandi delle uova di pollo, l’embrione di tacchino produrrà anche più calore metabolico, in genere circa il 15% in più alla fine dell’incubazione rispetto a un embrione di pollo. Pertanto, è fondamentale che le incubatrici per tacchini abbiano proporzionalmente una maggiore capacità di raffreddamento o una ridotta capacità di uova, per compensare l’aumento della produzione di calore metabolico. Ancora più importante, le uova di tacchino richiedono un maggiore volume d’aria che passi sopra a ciascun uovo, sia tra le uova poste su ogni vassoio che tra i vassoi stessi. Questo è essenziale per consentire a un maggior volume d’aria di passare sopra le uova e rimuovere il calore in eccesso. L’aumento della densità delle uova sui vassoi o la riduzione della distanza tra i vassoi può avere effetti negativi sulle prestazioni, anche se la capacità di raffreddamento della macchina è stata aumentata, poiché ciò ridurrà l’efficienza di scambio termico tra uovo e aria. 

Umidità dell’incubatrice

Le uova perdono acqua durante l’incubazione. Questa perdita di acqua è necessaria per generare uno spazio sufficiente alle celle d’aria affinché l’embrione possa gonfiare i suoi polmoni dopo aver beccato il guscio internamente. Il livello di umidità dell’aria che circonda le uova determina la velocità con cui perdono acqua e, di conseguenza, anche la perdita di peso. Maggiore è l’umidità, minore è il tasso di perdita d’acqua (e di perdita di peso). La cella d’aria può diventare troppo piccola quando le uova non perdono abbastanza acqua; in tal caso i polmoni dell’embrione non possono gonfiarsi completamente e il pulcino non sarà in grado di ottenere abbastanza ossigeno per il processo di schiusa, portando a un aumento del numero di embrioni che beccano il guscio ma che non riescono a schiudersi. D’altra parte, una perdita di acqua troppo grande può causare la disidratazione dell’embrione. Un aumento del numero di embrioni morti precocemente può essere un indicatore di questo fatto.

Le ricerche scientifiche hanno dimostrato che i migliori risultati di schiusa si ottengono quando un uovo di tacchino perde tra il 10 e il 12% del peso dell’uovo entro il 25° giorno di incubazione; per effettuare il monitoraggio si possono pesare i vassoi all’inizio e al momento del trasferimento e si può calcolare la percentuale di perdita d’acqua seguendo le linee guida dei riproduttori. 

Ventilazione

La ventilazione è cruciale nel controllo della temperatura di incubazione e dell’umidità dell’incubatrice. Le incubatrici devono essere adeguatamente ventilate per fornire ossigeno (O2) all’embrione e per consentire all’anidride carbonica prodotta (CO2 ) e all’acqua evaporata di essere eliminate. Alcuni tipi di incubatrici si affidano anche alla ventilazione per raffreddare le uova. Il livello di ventilazione dovrebbe essere sufficiente a soddisfare il requisito dell’embrione di respirare; tuttavia è anche importante non ventilare eccessivamente. In generale, l’aria fresca immessa nella macchina è più fresca e secca rispetto all’aria che si trova all’interno: ciò significa che più aria viene immessa, più difficile diventa mantenere l’umidità richiesta e mantenere una temperatura uniforme all’interno della macchina senza punti caldi e freddi.

Se la ventilazione è necessaria soltanto per fornire O2 e rimuovere CO2, allora misurare i livelli di anidride carbonica all’interno della macchina può essere un metodo per controllare adeguatamente i livelli di ventilazione. 

Tempo di incubazione

Il tempo di incubazione corretto è essenziale per dare ai tacchinotti il miglior inizio possibile nella vita dopo la schiusa. Un problema comune è che i tacchinotti vengono tenuti troppo a lungo nell’incubatrice nel tentativo di far schiudere ogni uovo, il che può portare a un’elevata mortalità e a una crescita precoce irregolare negli allevamenti. Sapere a cosa bisogna fare attenzione può fare la differenza.

Il comportamento dei tacchinotti durante i primi giorni è un buon indicatore per identificare rapidamente i problemi. Nel caso in cui essi siano stati tenuti nella schiusa per troppo tempo, potrebbero essere molto rumorosi e attivi e avere poche riserve di tuorlo. Le loro zampe sono molto sottili a causa della disidratazione; inoltre, i cestini della schiusa sono macchiati di meconio verde scuro. Al contrario, se il tempo di incubazione era corretto, i tacchinotti sono calmi e silenziosi e si alzeranno. Circa il 5% dei tacchinotti potrebbe avere la  nuca bagnata (parte posteriore del collo), ma nessuno sarà bagnato completamente. I gusci d’uovo rimasti nei cesti della schiusa sono puliti con solo qualche macchia di meconio. 

In sintesi

Il principio di base del successo è lo stesso sia negli allevamenti di tacchini che di polli da carne. Il monitoraggio continuo del processo di incubazione è fondamentale per capire cosa sta vivendo l’embrione all’interno dell’uovo e per garantire il successo dell’incubazione. Dobbiamo usare l’uovo per farci dire cosa fare: questa è una parte essenziale per ottenere le migliori prestazioni nei nostri incubatoi.