Biosicurezza: pulizia e disinfezione

Dr Hosam Amro - Senior Manager Technical Service Cobb Europe Ltd

1071

Il primo step di qualsiasi programma di prevenzione delle malattie comincia con un piano completo per la pulizia e la disinfezione degli allevamenti avicoli.

Pulizia degli allevamenti avicoli

Il primo passo di qualsiasi programma di prevenzione delle malattie inizia con un piano completo per la pulizia. Questo piano è sfaccettato e comprende un rigido insieme di principi, buone pratiche di gestione e di allevamento, nonché una chiara comprensione da parte dei dipendenti dell’importanza del processo di pulizia. Lo scopo della pulizia è quello di ridurre o eliminare le minacce alla biosicurezza per la salute dei futuri gruppi: minacce che includono animali nocivi, roditori, insetti, batteri, virus e parassiti. Pulire un allevamento avicolo è un po’ come sbucciare una cipolla, poiché deve essere fatto a strati. In primo luogo è necessario rimuovere fisicamente i detriti come sporcizia, polvere e lettiera, utilizzando attrezzature come trattori, soffiatori e scope. In secondo luogo, bisogna ridurre o eliminare i residui di sporco che hanno aderito alle superfici o che si trovano in luoghi difficili da raggiungere. Infine bisogna applicare acqua e detersivo per liberare qualsiasi residuo di materiale che si è depositato sull’attrezzatura.

Preparazione e pre-pulizia

  • Assicurarsi che il capannone sia completamente vuoto prima di pulire.
  • Gli insetti (mosche, acari, zecche, coleotteri e scarafaggi) portano e diffondono malattie. Un efficace programma di eradicazione e controllo degli insetti è più incisivo se il capannone è vuoto ma ancora caldo. È buona prassi spruzzare un insetticida autorizzato sia all’interno che all’esterno dell’edificio (compresa un’area di 6 metri di larghezza intorno al capannone); l’applicazione all’esterno è importante perché gli insetti cercheranno luoghi per nascondersi e ibernare mentre il capannone si raffredda, rendendo l’eradicazione più difficile. L’edificio dovrebbe essere chiuso per tre-quattro giorni in seguito al trattamento con insetticida.
  • Dopo lo spopolamento del capannone, utilizzare esche e rodenticidi che causano la morte con una singola dose. Tutti i mangimi devono essere rimossi dalle mangiatoie in modo da attirare i roditori verso le esche, che devono essere posizionate all’interno e all’esterno dei capannoni.
  • Raccogliere e rimuovere la lettiera in camion sigillati (Foto 1). Sotterrare o bruciare la lettiera se il gruppo precedente è stato colpito da un focolaio di una malattia.
  • Eseguire la manutenzione e la riparazione delle superfici, tra le quali crepe del pavimento, telai delle porte, pannelli danneggiati, slat e attrezzature.

Pulizia a secco

  • Tutte le operazioni di pulizia devono iniziare dalle superfici poste più in alto e procedere verso il basso per ridurre al minimo la possibile ricontaminazione delle aree già pulite.
  • Smontare tutte le attrezzature, slat e accessori amovibili; rimuoverli dall’edificio e raccoglierli in una zona specifica al di fuori del capannone per la pulizia.
  • La pulizia a secco (ad es. spazzolatura, raschiatura, aspirapolvere, ventilatori ad aria, ecc.) deve essere effettuata all’interno e all’esterno del pollaio, del deposito di stoccaggio e dei locali per le uova. Durante la pulizia a secco, prestare particolare attenzione ai ventilatori e alle prese d’aria, al sistema di illuminazione, alle travi (soprattutto negli angoli), al sistema di riscaldamento e alle apparecchiature elettriche che non possono essere rimosse (come motori e interruttori). Queste aree problematiche devono essere pulite con aria compressa. Le attrezzature per la raccolta delle uova devono essere aperte e i nastri per il trasporto rimossi. Tutti i frammenti di uova, polvere e sporcizia devono essere spazzati via.

Pulizia con acqua

  • La pulizia con acqua comporta il lavaggio e possibilmente l’ammollo del capannone con acqua e detergenti utilizzando un’idropulitrice ad alta pressione. La qualità dell’acqua deve essere come minimo idonea al consumo animale e priva di materiale organico o inorganico che possa interferire negativamente con l’efficacia chimica. Utilizzare acqua calda (60 °C, 140 °F) per tutte le fasi di pulizia con acqua.
  • Le apparecchiature elettriche, compresi i pannelli di controllo e gli interruttori, devono essere impermeabili o ricoperte di fogli di plastica e nastro adesivo. È necessario un codice di protezione internazionale (IP) di IP65 o superiore per il sistema di illuminazione, in modo da resistere alle procedure di lavaggio ad alta pressione. La spruzzatura di acqua ad alta pressione faciliterà il lavaggio delle aree difficili da raggiungere. Il lavaggio corretto dovrebbe essere fatto in modo sistematico, a partire dall’alto verso il basso e dal fondo del capannone verso la parte anteriore, spostandosi con attenzione da un lato all’altro dell’edificio. Tutte le superfici devono essere completamente pulite, compresi soffitti, pareti, sistemi di alimentazione e irrigazione, nidi di uova e trasportatori (Foto 2). Se sul pavimento si raccoglie molta acqua o sporco, rimuoverlo per evitare la ricontaminazione delle aree precedentemente pulite.
  • Alcune attrezzature possono richiedere l’ammollo per rilasciare lo sporco, comunque tutte devono essere posizionate sul pavimento con sufficiente spazio tra l’una e l’altra per l’asciugatura.
  • Gli altri locali e impianti avicoli, come i magazzini e i locali per le uova, e le attrezzature per il personale, come le mense, le docce e i bagni devono essere accuratamente lavati con l’idropulitrice ad alta pressione.
  • I sistemi idrici devono essere lavati con una pressione tra 15 a 30 psi (circa 1-2 bar), quindi riempiti con igienizzante utilizzato in conformità con le raccomandazioni del produttore. Lasciare che l’igienizzante rimanga all’interno del sistema idrico per 24 ore. Poi deve essere risciacquato di nuovo con alta pressione fino a quando l’acqua che esce dal sistema è pulita.
  • I silos devono essere completamente svuotati e puliti dall’alto mediante lavaggio ad alta pressione, sia all’interno che all’esterno. I mangimi prelevati da un silo non devono essere utilizzati per i gruppi successivi.

Disinfezione degli allevamenti avicoli

L’igiene della fattoria è la chiave per stabilire e mantenere un gregge allevatore sano. Una pulizia completa di un impianto di allevamento comprende non solo l’eliminazione dello sporco, polvere e lettiera, ma anche i vettori di malattie che possono rapidamente ricontaminare la struttura. Quando tutte le superfici sono prive di detriti e pulite, il pollaio deve essere sottoposto a una fase di disinfezione per ridurre ed eliminare ulteriormente i microrganismi che potrebbero costituire un pericolo per la salute per i successivi allevatori. Per facilitare l’igiene e l’igiene, prendere in considerazione l’adozione di una politica ‘all-in/all-out’ allevamento solo un tipo o specie di uccelli in azienda.

Disinfezione

  • Prima di applicare i disinfettanti, tutto il personale deve vestirsi con indumenti protettivi puliti e procedere a un’ispezione visiva di ogni parte degli impianti dell’azienda per verificarne la pulizia. Questa ispezione deve essere effettuata quando la luce è buona e dopo che il capannone e le attrezzature si sono asciugate.
  • La disinfezione deve essere effettuata spostandosi dall’alto verso i lati e poi dal fondo del capannone alla parte anteriore. La maggior parte dei disinfettanti è disciolta in acqua e il contatto dura fino a quando la soluzione applicata è asciutta. I disinfettanti schiumogeni possono aumentare il tempo di contatto perché impiegano più tempo ad asciugarsi e di conseguenza l’attività antimicrobica del disinfettante viene estesa. Una corretta applicazione dei disinfettanti dovrebbe ridurre il carico microbico di circa il 90%.
  • Nessun singolo disinfettante è migliore per tutti gli scopi. Il prodotto scelto dovrebbe essersi dimostrato efficace nei test indipendenti contro gli organismi patogeni maggiormente presenti nella zona di allevamento. La maggior parte dei disinfettanti funziona meglio a temperature superiori a 20 °C (68 °F), ma il tasso di diluizione e la temperatura dell’acqua devono essere conformi alle raccomandazioni del produttore.
  • I disinfettanti sono compromessi negativamente dalla materia organica e vengono inattivati da valori estremi di pH, residui di sapone e minerali nell’acqua. Soluzioni disinfettanti a caldo penetrano e disinfettano meglio di soluzioni a freddo. Questo è particolarmente importante con superfici porose. Occorre fare attenzione che il disinfettante non sia corrosivo per la superficie su cui viene utilizzato.
  • La formaldeide e la formalina sono disinfettanti chimici pericolosi e presentano gravi rischi per la salute e la sicurezza. In situazioni in cui le normative locali ne consentono l’uso e vi è una necessità, indossare dispositivi di protezione individuale, comprese le maschere respiratorie e gli indumenti di protezione senza eccezioni (Foto 3).
  • La formalina è un disinfettante ad ampio spettro che agisce in presenza di materia organica. Si consiglia di utilizzare una soluzione finale di formalina al 4% (formalina commerciale 37,5% soluzione diluita 1:8 in acqua) e l’aggiunta di glicole propilenico alla soluzione che aiuta il vapore di formaldeide a penetrare in pori e crepe. La fumigazione si effettua al meglio quando l’umidità relativa è RH 70-80% e la temperatura del capannone è di 21 °C (70 °F). Un’altra opzione è la fumigazione con compresse di paraformaldeide; la quantità necessaria dipenderà dalle indicazioni del produttore. Spruzzare una soluzione di formalina sulle superfici, mescolando in parti uguali formalina e acqua, è generalmente effettuata come fase di disinfezione finale del capannone in forma di spruzzo a bassa pressione.
  • La disinfezione dei pavimenti sporchi è praticamente impossibile. Un approccio comune raccomanda di dissodare i primi 10-15 cm di terreno, quindi coprire l’intera superficie del pavimento con fogli di plastica e fumigare con formalina o gas di bromuro di metile sotto la plastica. Il gas di formaldeide utilizzato su pavimenti sporchi è efficace solo in superficie, in quanto la fumigazione non è in grado di colpire agenti patogeni a una profondità superiore a 2 cm.

Convalida

Per confermare l’efficacia della disinfezione dell’impianto, devono essere prelevati dei campioni batteriologici prima di accasare il gruppo successivo. Il momento migliore per prelevare un campione è da due a tre giorni dopo la disinfezione (Foto 4) quando tutte le superfici della casa si sono asciugate. Tuttavia, la biosicurezza del gruppo è garantita se il tempo che intercorre tra il completamento della pulizia e della disinfezione e l’introduzione di un nuovo gruppo è inferiore a 14 giorni.

I campioni devono essere valutati determinando la carica batterica vitale totale per cm quadrato (TVC/cm²). Ci sono diversi metodi affidabili utilizzati per il campionamento per TVC, tra cui il prelievo diretto su supporti, il conteggio aerobico su piastra di Petri, o terreni di coltura pronti all’uso. In genere sono necessari almeno 10 campioni per capannone e attrezzature. L’obiettivo della pulizia e della disinfezione è che tutte le superfici non devono avere più di 100 TVC/cm² e i campioni del pavimento non devono superare 1.000 TVC/cm². La raccolta di campioni per la Salmonella spp. è più affidabile quando si effettuano tamponi su una superficie ampia del capannone e sulle attrezzature con una spugna sterile imbevuta di acqua peptonata tamponata, come mezzo di arricchimento. Per la Salmonella spp. c’è tolleranza zero.

Conclusioni

In condizioni di allevamento normali la sterilizzazione del sito è impossibile, ma ogni possibile misura atta a ridurre il rischio di infezione è utile. L’integrazione di un programma di pulizia e disinfezione ben pianificato in termini di biosicurezza rende più probabile ottenere risultati positivi. Un’accurata pulizia e disinfezione tra un gruppo e quello successivo rappresenta il primo passo verso il rispetto delle normative in materia di benessere degli animali, il raggiungimento del potenziale genetico della razza e rese migliori in termini di profitti aziendali.