Progressi nel passaggio ai sistemi alternativi e cage-free per ovaiole

726

Gli effetti della pandemia globale hanno aumentato la pressione sulle filiere di approvvigionamento e costretto le aziende ad affrontare sfide senza precedenti, ma il settore avicolo ha continuato a operare per raggiungere i propri obiettivi di sostenibilità e benessere animale orientadosi verso sistemi alternativi di allevamento..

Il report EggTrack di quest’anno mostra come molte aziende stiano proseguendo nella loro transizione verso sistemi di accasamento alternativi e cage-free, indipendentemente dal fatto che siano stati fatti o meno progressi significativi. La preoccupazione dei consumatori per il benessere animale è in crescita a livello globale e, di conseguenza, aumentano sempre di più le aziende che rispondono a questo cambiamento impegnandosi per eliminare progressivamente le gabbie dalle loro filiere.

La situazione nel 2020

L’edizione del 2020, per la prima volta, non si limita ad analizzare i mercati europei e nordamericani, ma offre una panoramica generale degli impegni ad abbandonare le gabbie a livello globale. Delle 210 aziende incluse quest’anno, 80 operano a livello globale, 57 in Nord America e 73 in Europa.

Il report evidenzia come la domanda di uova provenienti da allevamenti non in gabbia sia in aumento a livello globale e non si limiti più solo ai mercati europei e nordamericani. Molte importanti aziende multinazionali si sono impegnate ad allevare in sistemi alternativi solo in alcune regioni e devono ancora estendere la decisione a tutte le proprie filiere globali. Tali aziende, che riconoscono nelle gabbie delle carenze in termini di benessere animale solo in una parte delle proprie filiere, dovranno fare ulteriori valutazioni per garantire un miglioramento trasversale in tutte le operazioni. Per garantire che venga sfruttato a pieno il potenziale di benessere dei sistemi alternativi è importante che produttori e consumatori siano consapevoli delle buone pratiche e della gestione da attuare in queste tipologie di sistemi.

Ad oggi tutte le maggiori aziende della ristorazione hanno preso impegni a non commercializzare uova provenienti da allevamenti in gabbia, così come hanno fatto anche 9 dei 10 maggiori produttori di prodotti trasformati e 8 delle 10 principali catene di alberghi a livello mondiale. Si tratta di aziende con sede negli Stati Uniti e in Europa ma, negli ultimi tre anni, anche imprese dell’America Latina e persino una in Africa stanno orientandosi verso questo tipo di allevamento.

Il report analizza 25 impegni globali, valutando i progressi delle aziende più influenti sul mercato in termini di fatturato e di volumi di uova acquistate.

Gli sviluppi a livello mondiale

Sono molte le forze di mercato che influenzano la produzione in sistemi alternativi alle gabbie nelle diverse aree mondiali e le possibilità di un’azienda di agire in modo proattivo per supportare la transizione. Si stima che nel mondo ci siano circa 7,47 miliardi di galline ovaiole. Secondo FAOSTAT, circa 2,96 miliardi sono allevate in Cina, 314 milioni negli Stati Uniti, 315 in India e 204 milioni in Messico. A queste si aggiungono i 413,2 milioni di galline allevate in Europa. Oltre il 60% delle uova prodotte nel mondo proviene da sistemi industriali, principalmente gabbie in batteria. Siamo in un momento cruciale per investire in sistemi alternativi adatti a rispondere alle sfide del futuro, evitando investimenti obsoleti che non potranno rispettare gli standard previsti dagli impegni aziendali. Nel pianificare la transizione, quindi, è fondamentale evitare di investire in nuovi sistemi che non sono in grado di garantire un migliore benessere e che non sono accettati dai consumatori.

I numeri europei

In Europa vengono allevate 413,2 milioni di galline, di cui il 50,5% in sistemi alternativi alle gabbie. Nello specifico, il 47,8% è allevato in gabbia, il 29,3% in sistemi a terra, il 17% in sistemi all’aperto e il 5,9% in allevamenti biologici. La transizione verso sistemi non in gabbia in Europa mantiene un ritmo costante ma relativamente lento, con un aumento di solo il 2,6% di galline non allevate in gabbia tra il 2018 e il 2019. La conversione verso sistemi alternativi in Europa è stata guidata da centinaia di impegni aziendali e dalla crescente preferenza dei consumatori per le uova non in gabbia, mentre le normative europee e nazionali sono rimaste indietro.

Si è assistito a un aumento delle aziende che comunicano i progressi, da 57 nel 2018 a 83 nel 2020, con importanti società come Gruppo Avril (il principale produttore di uova in Francia), Hilton Worldwide e Gruppo Cremonini che hanno iniziato a comunicare i primi sviluppi nel settore, mentre Starbucks, Aldi Nord e Dominos stanno invece per completare la transizione. Almeno 19 aziende hanno convertito meno della metà delle proprie filiere, di cui tre meno di un quarto del proprio approvvigionamento. Con meno di cinque anni rimasti per rispettare la scadenza del 2025, le aziende dovrebbero accelerare i propri percorsi di conversione.

I principali Paesi produttori di uova in Europa sono, in ordine di rilevanza, Germania, Polonia, Francia, Regno Unito, Spagna, Italia e Paesi Bassi. La Germania detiene la percentuale più bassa di galline allevate in gabbie arricchite (6%), mentre Polonia e Spagna sono i Paesi con una percentuale maggiore di galline allevate in gabbia (rispettivamente 82,1% e 76,8%). Per quanto riguarda la produzione in sistemi alternativi, Germania e Italia registrano la percentuale maggiore di galline allevate a terra (rispettivamente 61% e 40,2%), mentre il Regno Unito la percentuale maggiore di galline allevate all’aperto (57,5%).

La normativa in vigore in Europa

Il divieto di utilizzare le gabbie in batteria è entrato in vigore nel 2012 e da allora alcuni stati membri hanno compiuto ulteriori progressi: le gabbie arricchite sono vietate in Lussemburgo e in Austria, mentre sta per essere approvato il divieto in Germania (dal 2025 e in casi eccezionali dal 2028); la Slovacchia ha firmato un memorandum tra industria e governo per il 2030 e la Repubblica Ceca sta attualmente valutando l’introduzione di un divieto. Il Regolamento Europeo sulle galline ovaiole delinea gli standard minimi per i sistemi d’allevamento a terra, ma permette l’uso di sistemi ad alte densità di allevamento rispetto alla superficie a pavimento (fino a 22-25 galline/m2) e sistemi multipiano a carattere intensivo. Esistono diversi schemi di certificazione in Europa che assicurano standard minimi d’allevamento in sistemi alternativi alle gabbie, ma la maggior parte non fornisce indicazioni specifiche sulle densità massime a livello del pavimento, né impedisce l’uso di sistemi combinati.

Nel Regno Unito, lo schema di certificazione RSPCA Assured e il marchio British Lion Quality richiedono densità massime di allevamento a livello del pavimento di 15 e 16,5 galline/m2, mentre la certificazione KAT in Germania prevede un massimo di 18 galline/m2. Il marchio British Lion Quality è l’unico che vieta nello specifico l’utilizzo di sistemi combinati. Nel Regno Unito, il team del Settore Alimentare ha collaborato con il British Egg Industy Council, la catena di supermercati Tesco e il principale produttore di uova nel Paese, Noble Foods, per la definizione di standard di maggiore benessere per l’allevamento a terra, definendo i criteri chiave nel British Lion Quality Code of Practice. Gli standard rappresentano un miglioramento significativo rispetto a quanto previsto dalla normativa europea e sono superiori anche a quanto richiesto dallo schema di certificazione tedesco KAT, ampiamente utilizzato in Europa.

Il problema dei prodotti trasformati

Gli impegni ad abbandonare le gabbie per la produzione di uova e lo sviluppo di tabelle di marcia adeguate per il raggiungimento di questo obiettivo sono chiaramente fondamentali, ma anche le uova utilizzate nei prodotti trasformati e come ingrediente devono essere prese in considerazione nel contesto del passaggio. Se da un lato la mancanza di consapevolezza da parte dei consumatori e di un’etichettatura chiara rappresentano un ostacolo, è incoraggiante vedere un numero crescente di aziende che si impegnano ad abbandonare le gabbie da tutto il proprio assortimento di uova, inclusi gli ovoprodotti e le uova usate come ingrediente. Delle 101 aziende che hanno preso impegni in Europa, 45 hanno esteso questo impegno a tutte le categorie di uova utilizzate nelle proprie filiere.

Fonte: EggTrack Report