La qualità delle uova dipende anche dal sistema di allevamento

57

Vari studi hanno valutato gli effetti dei sistemi produttivi sulla qualità delle uova, sebbene vi siano ancora aspetti non troppo chiari e con risultati contraddittori, in molte di queste ricerche.

Per esempio, a oggi non è stata data sufficiente considerazione alle influenze che fattori quali il genotipo, l’età della gallina, la temperatura ambientale e lo stress possono avere sull’uovo. Invece, è necessario e fondamentale eliminare le incertezze derivanti da questi aspetti, se si vuole valutare, in modo efficace, l’influenza di un tipo di sistema produttivo sulla qualità dell’uovo.

Qui si propone di identificare i limiti legati all’età della gallina, in modo che ciò non rappresenti un fattore di confusione nel valutare l’effetto dei diversi sistemi di produzione sulla qualità delle uova.

Materiali e metodi

In un esperimento sono state prese in esame tutte le uova provenienti da galline Isa Brown ed allevate nella stessa azienda e capannone. Nell’allevamento, erano stati accasati soggetti di età diverse, in singole unità da 2500 ciascuna.

Le uova sono state raccolte in un solo giorno, da galline di quattro diverse fasce d’età: 21, 30, 50 e 63 settimane. Sono state in seguito conservate a temperature diverse: a 4 °C , a 15 °C, oppure a temperatura ambiente, a 22 °C, per un periodo di 28 giorni. Venti uova sono state campionate al momento della raccolta e quindi, dopo la conservazione, tenute per un periodo di 7, 14, 21 e 28 giorni.

Ad ogni campionamento sono state effettuate le convenzionali misurazioni qualitative sull’uovo, sul peso, sull’indice di Haugh (HU), sull’albume (AI) e sul tuorlo (YI), sebbene l’analisi dei dati si sia concentrata esclusivamente sulle differenze registrate per il parametro HU. Infine, i dati sono stati analizzati utilizzando l’analisi statistica REML di Genstat®, 17° edizione.

Risultati e discussione

L’effetto del fattore età delle galline sulle misurazioni HU si è rivelato indicativo, sebbene sia stato influenzato dalla temperatura e dal tempo di conservazione, dato che la triplice interazione tra questi è stata significativa (P<0,001). Per tutti i gruppi di galline, l’indice di Haugh (HU) è significativamente diminuito nell’intervallo tra il momento della deposizione e il termine della conservazione (P<0,05). Il calo di HU è stato più pronunciato con l’aumentare della temperatura di stoccaggio delle uova (P <0,05).

Durante la deposizione, i gruppi dell’età di 50 (90,8) e di 63 settimane (88,6) hanno evidenziato misure HU simili e inferiori rispetto a quelli dei gruppi più giovani, di 21 (96,8) e di 30 settimane (102,7) (SEM 2,32: P<0,05).

A tutte le temperature e tempi di conservazione, l’HU è risultato simile per i gruppi di ovaiole di 50 e 63 settimane, ma inferiore rispetto ai gruppi più giovani (P<0,05).

In conclusione, quando si valutano gli effetti dei sistemi di produzione e le loro conseguenze sulla qualità delle uova, l’utilizzo di soggetti tra le 50 e 63 settimane di età rappresenta un indice chiaro dell’influenza che l’età delle galline ha sul parametro HU valutato.

Dagli Atti dell’Australian Poultry Science Symposium

Bibliografia
Chung SH & Lee KW (2014) Int. J. Poult. Sci. 13: 634-636