La filiera agroalimentare ai tempi del Coronavirus

24

MSD Animal Health ha organizzato un evento che ha riunito esperti del settore agroalimentare, rappresentanti delle associazioni di categoria e responsabili della sicurezza alimentare per discutere l’impatto dell’emergenza sanitaria sul settore alimentare italiano, proponendo riflessioni e strategie da mettere in campo per la ripartenza.

MSD Animal Health continua la campagna #AlTuoFianco, pensata per supportare tutti gli attori coinvolti nel campo della salute animale, organizzando un appuntamento digitale lo scorso 11 maggio. Per la prima volta la discussione ha messo al centro il consumatore, con la collaborazione di tutti gli operatori della filiera agroalimentare, tra i quali allevatori e medici veterinari che con il loro lavoro quotidiano garantiscono la salubrità e la sicurezza dei prodotti alimentari. Il webinar “La filiera agroalimentare ai tempi del coronavirus: prospettive future a seguito dell’emergenza” ha visto la presenza di personaggi di spicco del comparto con l’obiettivo di discutere l’impatto dell’attuale emergenza Covid-19 sulla filiera agroalimentare, promuovendo una corretta informazione e facendo chiarezza sulle tematiche più discusse: dal vissuto del consumatore alla riorganizzazione del lavoro nelle aziende della filiera fino al ruolo del Made in Italy nella futura ripresa.

Per tutti è risultato essenziale intraprendere una strategia di sistema per continuare a garantire un adeguato rapporto qualità-prezzo dei prodotti italiani, basata su un dialogo costante tra tutti gli attori coinvolti: produttori, catena di distribuzione e consumatori.

È esattamente questo lo spirito che guida anche MSD Animal Health Italia, come ha spiegato nel suo intervento Paolo Sani, Amministratore Delegato: “Abbiamo deciso di organizzare un evento come questo con l’obiettivo di fare sistema nell’agroalimentare e creare un’unica voce per rispondere a tutte le incertezze del consumatore. La nostra sfida è difendere questo mercato, fatto di aziende e persone con alta professionalità, che si impegnano giorno dopo giorno per portare cibo sano e buono sulle tavole degli italiani. Nel settore agroalimentare è intuitivo il concetto di One Health, noi vediamo, quindi, la salute a 360 gradi: uomo, animale, ambiente. È un concetto per noi molto importante ed è per questo che stiamo facendo investimenti sia a livello produttivo, sia a livello di ricerca sui singoli prodotti per ridurre il più possibile l’impatto sull’ambiente” – ha concluso Paolo Sani.

Sono intervenuti all’evento: Sergio Rosati, Dipartimento Scienze Veterinarie Università di Torino; Giacomo Pirlo, Centro di Ricerca Zootecnia e Acquacoltura di Lodi, Consiglio per la Ricerca in Agricoltura e l’Analisi dell’Economia Agraria; Francois Tomei, Direttore ASSOCARNI; Davide Calderone, Direttore ASSICA; Lara Sanfrancesco, Direttore Unaitalia; Claudio Destro, Vicepresidente Associazione Italiana Allevatori, Amministratore Delegato di Maccarese Spa; Claudio Mazzini, Responsabile Settore Freschissimi, Coop Italia; Agostino Macrì, Responsabile Sicurezza Alimentare Unione Nazionale Consumatori; Giuliano Marchesin, Direttore del Consorzio Sigillo Italiano; Luigi Scordamaglia, Consigliere Delegato Filiera Italia e Amministratore Delegato Inalca SpA e Paolo Sani, Amministratore Delegato MSD Animal Health.