ClassyFarm, il sistema integrato di categorizzazione degli allevamenti

109

La Direzione della sanità animale e dei farmaci veterinari del Ministero della salute ha implementato un sistema informatizzato, denominato ClassyFarm, che consente la categorizzazione dell’allevamento in base al rischio, basandosi su metodi armonizzati e scientificamente validati nel rispetto della massima trasparenza.

ClassyFarm è il risultato di un progetto tutto italiano, voluto e finanziato dal Ministero della Salute e realizzato dall’Istituto Zooprofilattico Sperimentale di Lombardia ed Emilia Romagna con la collaborazione dell’Università di Parma.

Inserito nel portale nazionale della veterinaria (www.vetinfo.it), ClassyFarm consente la rilevazione, la raccolta e l’elaborazione dei dati relativi alle seguenti aree di valutazione:

  • biosicurezza;
  • benessere animale;
  • parametri sanitari e produttivi;
  • alimentazione animale;
  • consumo di farmaci antimicrobici;
  • lesioni rilevate al macello.

Si tratta di uno strumento efficace per rafforzare la prevenzione delle malattie animali e la lotta all’antibiotico resistenza e rendere più efficiente il controllo ufficiale da parte delle Autorità competenti, ma nello stesso tempo offre agli allevatori le condizioni per migliorarsi e tendere all’eccellenza.

La nuova piattaforma elabora i dati raccolti dall’autorità competente durante lo svolgimento dei controlli ufficiali, quelli messi a disposizione da sistemi già in uso e quelli dell’autocontrollo resi disponibili dall’operatore, su base volontaria, e inseriti a sistema dal veterinario aziendale. In questo contesto il veterinario rappresenta l’interfaccia tra operatore e autorità competente e affianca e supporta l’operatore nelle scelte strategiche di gestione dell’allevamento per migliorare le condizioni di sanità e benessere animale, anche sulla base del livello di rischio rilevato da ClassyFarm nelle varie aree di valutazione dell’allevamento.

L’adesione al sistema resta volontaria. Gli allevamenti censiti in BDN che scelgono di non aderire saranno comunque categorizzati in base al rischio, considerando almeno i dati derivanti dall’attività del controllo ufficiale e dai sistemi informativi già in uso. Restano esclusi solo quelli per autoconsumo o familiari.

Tutti i dati resi disponibili sono convertiti, attraverso coefficienti scientificamente validati, in un indicatore numerico che misura il livello attuale di rischio dell’allevamento stesso. A garanzia della massima trasparenza, le modalità di calcolo dei coefficienti utilizzati per la determinazione del livello di rischio degli allevamenti ai fini della loro categorizzazione sono rese pubbliche.

Per registrarsi il veterinario aziendale che intende utilizzare il sistema deve avere alcuni requisiti (aver frequentato il corso per medico veterinario aziendale, compreso il modulo integrativo ClassyFarm; aver compilato e inviato a FNOVI la dichiarazione sul conflitto d’interesse ed essere iscritto all’elenco dei Medici Veterinari Aziendali) e deve seguire un percorso di registrazione. Tutte le informazioni sono disponibili sul sito web del sistema.

In questo modo ClassyFarm, con tutte le garanzie sulla riservatezza del dato, permette la visualizzazione delle informazioni aggregate per aree geografiche e per tipologia di allevamento, favorendo un circuito virtuoso basato anche sull’emulazione di best practices; ciò a vantaggio dell’interesse economico dello stesso allevatore e, soprattutto, a tutela dei consumatori per quanto riguarda la salubrità e qualità degli alimenti prodotti.

Inoltre, la categorizzazione del rischio degli allevamenti secondo regole uniformi e fondate consente alle autorità competenti una programmazione dei controlli efficace e mirata, con risparmi evidenti per la pubblica amministrazione, sia in termini di risorse finanziarie che umane, e riduzione degli oneri per gli operatori conformi alla normativa in termini di minor frequenza dei controlli ai quali sono assoggettati.

Alla luce di tutto questo ClassyFarm non è solo l’occasione di conformarsi alla recente normativa europea in materia di Animal Health Law e di Official controls, ma costituisce anche un’opportunità per gli allevatori più piccoli, che possono avere così una visione del proprio “status”.

Fonti: Ministero della Salute, ClassyFarm.it